Grande successo per la giornata del Dialetto e delle Lingue Locali di Unpli Cosenza

Una giornata dedicata alle antiche lingue locali, come prezioso patrimonio da custodire, tutelare e promuovere,
decine di giovani autori, una meravigliosa cornice come la Biblioteca Nazionale di Cosenza.
Tutto questo è stata la Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali, evento ideato e realizzata da Unpli Cosenza,
recependo perfettamente le linee guida nazionali in materia.

L’edizione cosentina, dunque, quest’anno ha incrementato notevolmente il numero di partecipanti, attraverso le pro-loco di appartenenza,
così come il numero di presenze alla cerimonia di premiazione, segno evidente dell’ottimo lavoro svolto dal comitato Unpli Cosenza,
capace, finalmente, di coinvolgere, accogliere, formare e informare.

«Siamo veramente soddisfatti dei numeri di questo evento – ha commentato il presidente Unpli Cosenza Antonello Grosso La Valle a margine dell’iniziativa culturale – la grande partecipazione ottenuta, non può che inorgoglirci e motivarci per proseguire un percorso che abbiamo avviato sin dall’insediamento, all’insegna della trasparenza, del massimo coinvolgimento delle singole pro-loco iscritte e della cultura come fulcro di qualsiasi tentativo di promozione dei territori».

Nel corso della giornata, è stato presentato “Il Carpanzarese tra versi e teatro”, nuovo lavoro dell’autore Luigi Ponterio, già premiato in occasione
della fase nazionale del concorso, prima di proseguire con la declamazione delle opere realizzate da studenti, ricercatori, cultori della materia ed autori dialettali. A concludere la serata, lo spettacolo di Francesca Prestia, Cantastorie della Calabria, ricco di brani ebraici, grecanici e albanesi.

Un ottimo successo, dunque, che ha portato anche ad un ulteriore risultato, a conferma della valenza culturale intrinseca dell’evento.
La direzione della Biblioteca Nazionale di Cosenza, che ha ospitato la cerimonia, infatti, ha proposto l’avvio di un progetto,
in sinergia con le pro-loco iscritte ad Unpli Cosenza, che porti “fisicamente” la Biblioteca all’interno dei territori nei quali operano le pro-loco
iscritte, garantendo così la scoperta e la promozione di uno dei poli culturali più importanti dell’intera regione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.